Fabbricati rurali: domanda di variazione catastale entro il 2 luglio

Scade il 2 luglio prossimo il termine per presentare la domanda di variazione catastale dei fabbricati già censiti per ottenere il requisito di “ruralità” e, quindi, la classificazione nelle categorie A/6-R per quelli abitativi e D/10 per quelli strumentali. La scadenza del 30 giugno slitta, infatti, al 2 luglio cadendo il 30 di sabato. Tale variazione catastale è utile soprattutto per il passato al fine di scongiurare gli accertamenti ICI per gli anni fino al 2011. I fabbricati rurali, infatti, godevano dell’esenzione ICI solo se accatastati in A/6 o D/10. L’IMU si applica, invece, dal 2012 su tutti i fabbricati rurali, a prescindere dalla categoria catastale. La domanda di variazione catastale deve essere presentata all’Agenzia del Territorio competente secondo le regole stabilite dal Decreto MEF 14.09.2011 e dalla Circolare dell’Agenzia del Territorio n. 6/2011.

Lascia un commento